Outbound marketing è un sinonimo di pubblicità intrusiva (interruption marketing), cioé quel comportamento in cui la nostra pubblicità interrompe l’utente mentre sta fruendo di contenuti di suo interesse. È un approccio sconsigliato, perché come dice la parola stessa è l’azienda che esce e va verso l’utente, al contrario dell’inbound marketing che genera un interesse spontaneo e quindi più remunerativo in termini di conversioni e fidelizzazione.