L’amaro destino dell’imprenditore turistico che pensa di potersi opporre a Booking.

Distruggere il digital branding
Smetti di distruggere il tuo digital branding con battaglie social che non ti appartengono.
25 gennaio 2016
Digital Branding Strategy | Naming: quanto pesa nella percezione del prodotto finale?
29 febbraio 2016
Show all

Ricevo almeno 4 richieste al mese di digital branding (posizionamento e lancio sul mercato digitale) di imprenditori turistici. La maggior parte delle volte si tratta di strutture di piccole o medie dimensioni che vogliono o investire da zero o hanno ricevuto un pessimo trattamento dal web designer o consulente di digital marketing di turno.
Tutti arrivano con la stessa richiesta. “Voglio un sito web” per poi ottenere la stessa risposta: “perché?”.

Molti vogliono semplicemente evitare quella media del 15% di commissione OTA, che agli albergatori proprio non piace. Se la risposta è “voglio bypassare Booking“, io nel 90% dei casi non prendo il cliente. Menziono solo Booking perchè a livello strategico e di efficacia mi sembra il migliore, oltre ad avere il posizionamento migliore come OTA online. Se io penso Hotel, onestamente non penso Tri-va-go, ma mi viene in mente solo Booking.

La segretaria sottopagata che ti ostini a lasciare a casa

Questo è il primo elemento che tutti gli imprenditori turistici sottovalutano. Booking è una segretaria che lavora per te. 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Non ti lascia la scrivania vuota nemmeno il giorno di Natale e non ti va in maternità. Sembra un discorso disumano, ma le imprese crescono quando alzano gli utili e se voglio farti crescere devo parlarti di soldi. Booking ti chiede il 15% di commissione, ma quanto carico di lavoro ti risparmia?

Il web ti può costare molto più di Booking

Se pensi che la disintermediazione sia gratis, ti sbagli. La tua è una percezione distorta da quel poco che conosci del mondo digitale. Io lavoro nel web da più di 10 anni e ho una visione molto più realistica della tua, quindi ascoltami bene. Internet non solo non è gratis, internet è diventato molto costoso. Vuoi opporti a Booking? Iniziamo a mettere le carte in tavola.

Hai già un brand potente o comunque molto conosciuto?

NO? Dovrai investire almeno €5.000/€10.000 tra consulenze, strategie e rebranding per essere sicuro di aggiudicarti un posto stabile e permanente nella mente delle persone, unica strada per disintermediare con successo. Perchè se io ti conosco già e so che quella cosa che cerco la offri solo tu e mi è agevole il processo di acquisto, non me ne faccio niente di passare da Booking.

Il tuo sito web rispetta tutti gli standard che portano gli utenti a compiere correttamente il processo di acquisto?

NO? Se vuoi un sito con una piattaforma interna di prenotazione, landing page integrata, tutte le leve che usa Booking (hai presente quando ti mette l’ansia perchè rimangono solo due camere a quel prezzo, tutti stanno prenotando e sembra che devi dormire in mezzo alla strada? Ecco, proprio quello), un backend così strutturato, un frontend in grado di generare quel tipo di conversione… preparti a sganciare un altro bel 10.000.

Sei già presente sulle SERP (sei nelle prime 5-6 posizioni su Google) grazie a una SEO (ottimizzazione per i motori di ricerca) ben fatta, sulle giuste parole chiave?

NO? Bene, i costi di startup di una campagna SEO difficilmente scendono sotto i €1.500 e il mantenimento mensile te ne costa almeno €500.

Utilizzi i social media per portare traffico sul tuo sito intercettando la domanda latente?

NO? Bene, i costi di startup di una campagna social difficilmente scendono sotto i €1.500 e il mantenimento mensile te ne costa almeno €450 a canale. Per un hotel, ad esempio, l’ideale è utilizzare Facebook + Instagram. Fai due conti.
Mi fermo per non demoralizzarti troppo, altre cosine le scopri nei punti successivi.

È inutile opporsi a Booking per poi non muovere un dito nel digitale

Con i soldi puoi comprare tante cose, è vero. Ma il tuo tempo quanto costa?

Il digitale è una fanciulla delicata e permalosa della quale ti devi prendere cura se la vuoi al tuo fianco. Devi vederla una volta alla settimana, ma ogni giorno devi assicurarti che stia bene, parlarle con il giusto tono, cercare di capirla e incuriosirla. Ci vuole tempo per prendersi cura del digitale.

Chi produrrà contenuti per il calendario editoriale? Senza contenuti non vai da nessuna parte. Chi seguirà i social quando riceverai una critica o una recensione negativa? Le recensioni senza risposta sono un oltraggio alla customer care e alla tua reputazione. Almeno quelle di Booking erano reali, come la mettiamo con quelle false che il tuo competitor ha messo su TripAdvisor?

Pensare di lavorare senza Booking e senza digital branding è una follia

Alla fine dei conti, o ti puoi permettere tutto quello che ho inserito nei punti precedenti, o davvero non mi spiego cosa ti porti a pensare di poter sopravvivere con la tua struttura ricettiva bypassando le colossali OTA online senza fare un investimento serio in digital marketing.
Ci sono delle regole, che io conosco molto bene e che so già che devi rispettare per non fallire. Specialmente se sei una piccola struttura ricettiva senza un elemento differenziante forte, con poche camere e di conseguenza un fatturato piuttosto basso.

A questo punto ti chiedo di fare una scelta: la realtà a tuo favore o le convinzioni che ti portano sul lastrico?

  • lucazacchi1963

    Ottimo articolo. Più chiaro di così, è proprio il caso di dire, si muore!

X